RULE BOOK

VIDEO

IN ALLESTIMENTO

VIDEO

Cosa è l'NBHAI

Come iscriversi

Regolamento

Dove si impara

I nostri sponsors

I Gadgets

I Filmati NBHAI

Cavalli in vendita

Le foto dei tuoi campioni

Stagione 2002

National Finals

Europei - Barrel Racing

Europei - Pole Bending

Links

www.nbha.com

www.aiqdim.com

www.westernside.com

www.ilmiocavallo.it

www.jalisco.it

www.isolaverde-pegus.com

SPECIAL EVENT NBHA

BIBIONE WESTERN SHOW

24/25 APRILE 2004

CAMPIONATI EUROPEI

Fiera di Reggio Emilia

20-23 Maggio 2004

PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA DEL BARREL PLANETARIO UN EUROPEO PORTA A CASA UN TITOLO MONDIALE. E' DARIO BEZZI, PRESIDENTE DELLA NBHA OF ITALY CHE NELLA CATEGORIA SENIOR, VINCE IL BUCKLE, LA FIBBIA DEI TOP TWENTY

Tutto inizia il 23 ottobre, quando Dario Bezzi, Daniele Rusconi accompagnati da Tino Lastra, partono per il Texas per scegliere i cavalli da utilizzare per il campionato del mondo di barrel, che inizierà la settimana s uccessiva in Georgia. L'Appuntamento dei nostri è nel ranch di Paul Humprey in Texas, conosciutissimo trainer, dove Bezzi sceglierà di correre con uno stallone di nome Jacs Handy Chant allenato dallo stesso Paul. ( Lo stallone in questione è fratello di Great Jac Bar di proprietà di Dario Bezzi preparato per il barrel da Paul Humprey. Va ricordato che Great Jac Bar è figlio di Great Jac 91 grande campione di reining). Daniele Rusconi deciderà di montare un castrone di sette anni di proprietà dell'amica Lory. Il cavallo ha un nome difficile da ricordare e quindi per la sua simpatia verrà ribattezzato "Paiasso" ...

Dopo qualche giorno passato in Texas Bezzi parte alla volta di Augusta in Georgia dove attenderà gli altri italiani qualificati per il mondiale e precisamente : - Davide Bergamo campione italiano 1D ; - Sebastiano Bellini reserve champion 2D ( Bellini sostituirà il campione 2000 Giovanni Adamo impossibilitato a partire ) ; - Valerio Lantieri, per la seconda volta campione italiano 3D ; - Emanuele Scarcia campione italiano 4D ; - Gilberto Bergamo campione italiano Senior ; - Federico Bezzi qualificato nella 1D ; - Pietro Squaiella qualificato 4D; e come accompagnatori ci sono Luciano Laura e Monica Ramoino. Anche quest'anno i campioni italiani avranno la possibilità di gareggiare in America gratuitamente a spese della NBHAI italiana. L'incontro è all'aeroporto di Augusta ( dove i nostri arriveranno putroppo senza valigie, le stesse arriveranno dopo qualche giorno ). I giorni successivi dopo una breve visita alla sede della NBHA americana e all'arena di gara, saranno dedicati alla scelta dei cavalli. Anche quest'anno i cavalli erano decisamente buoni. Chiaramente i giorni per "mettersi insieme" ai cavalli sono stati decisamente pochi. La domenica precedente le gare, anche Rusconi e Lastra sono arrivati in Augusta con i cavalli, accompagnati da Paul, dalla sorella Stacy e dall'amica Lory, proprietaria di "Paiasso". Lunedì 30 ottobre c'è la prima gara, la Sweepstakes, non valida per il discorso mondiale, ma è l'unico modo per entrare nel campo di gara. Infatti in arena si entra solo quando si viene chiamati per il go. Da notare che l'arena dista dai box dei cavalli, non meno di 7 chilometri, per cui durante tutti i giorni di gara è un andirivieni di trailer lunghissimi che trasportano i cavalli di gara. Pensate che quest'anno i finalisti iscritti al mondiale erano 1400 di cui 351 Senior. Nonostante questi numeri, non c'è stato un ritardo, una lamentela, un intoppo.

Ma torniamo alla Sweepstakes. E' chiamata in tono ironico da noi italiani "garettina di paese" in quanto a questa gara si iscrivono "solo" 800 cavalieri. Federico Bezzi su Playboy è il migliore degli italiani, si classificherà 66° con il tempo di 15.217. Tempo fantasctico che fà ben sperare Breve riunione con la gentilissima Linda Jett, la nostra accompagnatrice e trainer americana fornitrice dei cavalli, la quale decide di far provare altri cavalli a Bellini, Lanteri e Squiella. Ma sicuramente l'emozione giocherà in modo determinante. In Italia, per via degli spazi contenuti, non si ha la possibilità come in America di poter lanciare il cavallo nel canalone e arrivare sul barile dopo quasi 40 metri di galoppata a oltre 50 km orari. Non solo, all'uscita del canalone che è tenuto quasi sempre dove il pubblico comincia a tifare dal primo concorrente per concludere esausti all'ultimo cavaliere. Inoltre si scende nel warm up ( arena di riscaldamento quella prima della gara ) in 10 alla volta, i primi cinque entrano in un recinto più piccolo dove un semaforo rosso e verde indica che si può entrare per il go. Tutto rigorosamente seguito e sancito da almeno 15 persone in campo tra giudici e membri del sistema di sicurezza. Pensate che ogni 5 concorrenti passano i trattori, tre trattori, e ogni 20 passa anche l'erpice. Tutto questo baillame, credetemi faceva un pochino torcere le budella dall'emozione.

Nel primo go della Open Dario Bezzi è il migliore degli italiani seguito da Pietro Squaiella, per gli altri no time per l'abbattimento del barile. Non meglio il secondo go che vedeva Emanuele Scarica, migliore tra gli italiani seguito da Valerio Lanteri, Davide Bergamo e Piero Squaiella. No time per gli altri. Quindi niente da fare per la Open. Rimaneva la categoria senior con i nostri Gilbero Bergamo, Dario Bezzi e Daniele Rusconi. 351 i concorrenti iscritti, 120 passavano in finale al termine dei due go. Va ricordato che tra questi 351 ci sono personaggi del calibro di Paul Cooper, già campione del mondo, Martha Yosej e il grande Dale Youree, e tanti altri. I nostri cavalieri si comportano molto bene, sia nel primo che nel secondo go non ci sono abbattimenti di barili. Dario Bezzi riesce ad entrare tra i primi 120 e passa in finale. Ed è già grande soddisfazione, che sarà ancora più grande visto che nel go della finale, tra i 120 finalisti Bezzi conquisterà la fibbia dei Top Twenty per essersi classificato 9 nella sua divisione. Quindi bilancio più che positivo per i nostri campioni e per la NBHA Italy, che chiude l'anno agonistico con un titolo mondiale. Per la cronaca i Campione del Mondo 2000 sono : 1D Shawn Jackson, 2D Josh Timberlake, 3D Lanis Fincher, 4D Natalie Fleming,Nei Senior : 1D Paul Cooper, 2D Marsha Farrar, 3D Janet Richmond, 4D Jim Derrick.

Fatti divertenti riguardo agli sport equestri

In Italia è la Federazine Italiana Sport Equestri ad occuparsi di tutte le attività legate a quelle creature a quattro zampe dalla coda lunga, gli zoccoli duri e la criniera morbida, quegli animali meravigliosi capaci di raggiungere in breve tempo velocità elevate e dotate di una fierezza e di una bellezza impareggiabili. I cavalli affascinano per il loro aspetto fisico e la loro maestosità, ma ancor più per il potenziale di cui sono provvisti secondo il volere della natura. Agilità, forza e destrezza sono caratteristiche intrisiche che di certo non appartengono a tutti gli altri animali.

Tra gli sport equestri notoriamente praticati, uno dei più famosi è di certo il polo, un'attività di squadra in cui i giocatori seduti a cavallo devono cercare di spingere una palla fatta di legno fra due pali, servendosi dell'aiuto di bastoni realizzati con il bambù. Un altro interessante ed utile impiego del cavallo riguarda invece l'ambito medico e il benessere delle persone: chi è affetto da malattie o patologie come l'autismo o la sindrome di Down potrà beneficiare della presenza di queste creature grazie a una serie di tecniche ludiche volte a migliorare ed aiutare le proprie condizioni psichiche. Inoltre, un'altro sport equestre molto popolare, che fra l'altro è ufficialmente disciplina olimpica, è il salto ad ostacoli; è questa una gara che prevede un tragitto intervellato da alcuni ostacoli di altezza variabile in cui il fantino, per vincere e dare il meglio di sé, deve cercare di diventare tutt' uno con l'animale che sta cavalcando.

I vantaggi in fatto di pratiche equestri sono molti sia per voi che per le persone che vi circondano. Cercate perciò di non passare il vostro weekend su http://www.camplace.com, ma provate invece a rivolgervi a qualche centro di equitazione e iniziate a cimentarvi con qualche rilassante attività ricreativa. Come per ogni cosa, dovrete un po' prenderci la mano e ricordarvi che cadere, inciampare o fare gesti goffi ed impacciati è normale al principio: i cavalli sono animali docili e affettuosi, ma sanno dare del filo da torcere se si è alle prime armi. Può darsi che non vi ascoltino e che anziché saltare, piegare le zampe e passare subito dal trotto al galoppo, s'imputino per fare tutt'altra cosa.

In questo caso, ricordate che voi dovete sempre mostrarvi padroni della situazione e riuscire a volgere a vostro favore un comportamento irrequieto, buffo o agitato, facendo leva sulla sintonia che poco alla volta nascerà con il vostro animale. Sarà la pratica e l'esercizio a far sì che questo sport diventi per voi fondamentale, in grado di alleggire stress e tensioni e farvi provare intense emozioni quando riuscite a padroneggiare le redini in maniera impeccabile.

Cavalcare un cavallo non è solo un ottimo passatempo per il proprio corpo, dato che si impara a migliorare qualità come il senso dell'equilibrio e la coordinazione, ma è anche un ottimo esercizio per la mente, perché ci si allena a prendersi cura di un altro essere vivente, e con lui si cerca di costruire un rapporto armonico, fatto di fiducia, affetto e rispetto.